Maletto Archeologica (Legenda e testimonianza di civiltà archelogiche)

 

La pianura sottostante Maletto, tutta la zona di Mangiasarde e l’area che giugne fino al letto del fiume Saracena, hanno ospitato nel tempo diversi insediamenti umani.

La presenza, nel sito Tartaraci, di tombe a grotticella, di resti di mura, di abitazioni testimoniano che tali zone sono state abitate dai Siculi. Con il ritrovamento di monete greche, cocci di ceramica e sepolture con corredo funerario, si è potuto affermare che a partire dal VI secolo a.C. anche i greci si sono stanziati in quest’area etnea.

Resti importanti sono stati ritrovati anche nella zona di Margiogrande, della Rocca Calanna e della Difesa. Dal 200 a. C., i romani, i bizantini, gli arabi e successivamente i normanni hanno abitato quest’area.