Firrarello: E’ la legge che prevede il pagamento della Tarsu per le case rurali


 

La querelle sui circa 3000 avvisi di accertamento Tarsu per le case di campagna continua a suscitare polemiche ma anche angosce e preoccupazioni nei cittadini. E continuano a fioccare le proteste. L’Adoc (Associazione per la difesa e l’orientamento dei consumatori) nel definire in un manifesto del 14 novembre “feroce ed iniqua” la tassazione invita la città a svegliarsi ed organizza per domenica una manifestazione contro l’«accanimento illegittimo di una pretesa fiscale assurda della tassa sui rifiuti».
Risponde con un altro manifesto il sindaco Firrarello il quale, tralasciando i toni un po’ più concilianti di un precedente comunicato stampa quando, fra l’altro, chiese scusa ai cittadini per gli errori commessi («sia se a commetterli sono stati i nostri uffici, sia se a commetterli è stata l’Agenzia del territorio»), dichiara che “purtroppo è la Legge che prevede il pagamento della Tarsu per le case rurali».

Il gruppo Bronte Domani rappresentato dal consigliere comunale Vincenzo Sanfilippo comunica di non condividere le dichiarazioni del sindaco prima perché non ha mai dialogato né si è confrontato con il Consiglio comunale in merito a questa problematica, poi per non aver esercitato il dovuto controllo sull’Ufficio Tributi che ha inviato in forma generica ed al 100% il bollettino di pagamento della Tarsu “e quindi inducendo i cittadini a pagare una tassa in parte non dovuta” e “per un servizio non reso che è costretto a pagare”. Bronte Domani ritiene necessario poi «un confronto serio, proficuo e costruttivo nell’interesse dei cittadini brontesi, con il Consiglio Comunale, le Parti Sociali e Professionali, al fine di trovare un’intesa a questa protesta generale, che ha causato un subbuglio nella popolazione, provocata forse dalla superficialità dell’azione Amministrativa.»
E lunedì il Consiglio comunale è convocato in seduta straordinaria ed urgente per trattare le “problematiche relative agli avvisi di accertamento inerenti la Tarsu”.

La Sicilia – 17.11.2012

Pubblicità