In visita sul sentiero “per tutti” del Germoplasma un gruppo di 15 disabili accompagnati dall’ANFFAS di Catania


 

Un gruppo di 15 persone affette da disabilità, accompagnati dalla psicologa Alessandra Leucata, coordinatrice del centro di riabilitazione dell’ANFFAS (Associazione Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) Onlus di Catania e da otto operatori del centro, ha visitato il sentiero “per tutti” all’interno della Banca del Germoplasma Etneo, presso la sede del Parco dell’Etna.

Per un paio di ore, gli ospiti hanno potuto svolgere una attività esterna di incontro e interazione con la natura sul sentiero, pienamente accessibile e fruibile anche da persone ipovedenti, non vedenti e diversamente abili.

Il gruppo è stato accolto da Ettore Foti, commissario straordinario del Parco, insieme a Luciano Signorello, direttore della Banca del Germoplasma, una superficie di circa tre ettari che ospita specie di interesse naturalistico e agrario, aromatiche e officinali del comprensorio etneo. “Siamo particolarmente soddisfatti di questa visita organizzata dall’ANFFAS, – ha sottolineato il commissario Foti – che dimostra la validità della scelta del Parco di realizzare, all’interno della Banca del Germoplasma nella propria sede, un sentiero che permette il transito anche a mezzi di supporto di persone diversamente abili, offrendo a tutti la possibilità di fruire la natura e di goderne in pieno le peculiarità”.

La dottoressa Leucata ha positivamente commentato la visita: “E’ stata una bella giornata all’insegna dell’interazione e integrazione psicosociale, che ha coinvolto tutti i partecipanti all’iniziativa, stimolandone le funzioni psicomotorie e psicosensoriali in un ambiente salutare e in una visione ecologica della mente. Il sentiero del Germoplasma del Parco dell’Etna, dotato di adeguati supporti, consente la fruizione in autonomia ai soggetti diversamente abili; le informazioni sulle varietà delle piante, fiori e alberi presenti sono risultate molto chiare e hanno destato curiosità e interesse nei partecipanti”.

Molto soddisfatta anche Antonella Di Blasi, presidente dell’ANFFAS: “Per la prima volta abbiamo ricevuto tante telefonate di familiari, che ci hanno manifestato la felicità dei partecipanti all’iniziativa al Parco. L’esperienza vissuta è stata evidentemente coinvolgente anche per gli utenti molto gravi, che hanno avuto la possibilità di stare all’aria aperta, sentire i profumi diversi della primavera, vedere la grande varietà di colori e le bellezze della nostra natura”.

Nel mese di giugno il sentiero del Germoplasma del Parco dell’Etna ospiterà altre visite di gruppi dell’ANFFAS.

UFFICIO STAMPA PARCO DELL’ETNA – Gaetano Perricone

Pubblicità