Riparte per il 2012 “Il Parco incontra la scuola” In programma visite su prenotazione alla sede dell’Ente, escursioni guidate sui sentieri, incontri nei Centri visita


 

Con la visita nella sede dell’Ente degli alunni di alcune classi dell’Istituto Comprensivo di Pedara nell’ambito del progetto europeo “Le (g) ali al sud” e di un gruppo di allievi dell’Istituto Alberghiero di Nicolosi, il Parco dell’Etna ha avviato anche per il 2012 l’iniziativa di educazione ambientale “Il Parco incontra la scuola”, già svolta lo scorso anno con un forte successo di adesioni.

L’attività comprenderà una serie di incontri con le scuole di tutto il comprensorio catanese presso la sede del Parco – l’ex Monastero Benedettino di San Nicolò La Rena a Nicolosi – , con visite alla struttura, proiezioni relative al Parco dell’Etna e visite guidate dai responsabili delle Soat Distretto Etna (Sezioni Operative dell’Assessorato Regionale alle Risorse Agricole) lungo il sentiero del Germoplasma nell’area adiacente al Monastero.

Sul piano organizzativo le scuole potranno visitare la sede del Parco ogni lunedì mattina, esclusivamente su prenotazione da effettuare almeno cinque giorni prima telefonando ai numeri 095 821220 / 095 821205.

Continueranno, parallelamente, tutte le altre iniziative di fruizione e educazione ambientale già avviate da tempo dall’Ente quali le tradizionali escursioni sui sentieri del Parco con il supporto delle guide alpine del Parco e gli incontri e i laboratori presso i Centri Visita di Fornazzo, Linguaglossa e Randazzo.

Spiega il commissario straordinario del Parco Ettore Foti: “La conoscenza e la più ampia divulgazione delle peculiarità naturalistiche del vulcano e del Parco, tese a stimolare nei ragazzi delle scuole l’amore e il rispetto per la nostra bellissima natura, acquistano un’importanza ancora più rilevante in una fase storica in cui il nostro Ente, fortemente impegnato a raggiungere l’obiettivo dell’inserimento dell’Etna nella lista dei siti patrimonio dell’umanità, vuole rafforzare nelle giovani generazioni il legame ed il senso di appartenenza al territorio e ai suoi valori”.

Da parte sua, il responsabile per l’educazione ambientale del Parco Francesco Pennisi aggiunge: “Con questa ulteriore iniziativa, cercheremo di soddisfare le sempre più numerose richieste di incontri e visite alla nostra sede che ci pervengono anche da scuole che non rientrano nei confini del Parco”.

UFFICIO STAMPA PARCO DELL’ETNA – Gaetano Perricone

Pubblicità