L’Associazione Randazzo Iniziative Speciali raccoglie fondi per la Sirena della Chiesa


 

“Contribuiamo a cercare fondi per aggiustare la sirena del Santuario della Madonna del Carmelo di Randazzo”. E’ la “mission” che si sono imposti i ragazzi dell’associazione Ris (Randazzo Iniziative Speciali) che, spinti dall’amore verso l’arte, la storia e la cultura del centro medievale, hanno deciso di mettere su una raccolta fondi per permettere a padre Enzo Calà, arciprete e parroco della Basilica di Santa Maria e del Santuario, di far suonare nuovamente la sirena che nel dopo guerra serviva a scandire l’inizio e la fine della giornata di lavoro nelle campagne. Ovviamente questa negli ultimi decenni non ha svolto più la funzione per cui è stata realizzata, ma ha ugualmente continuato a suonare alle 7 ed alle 8 di ogni mattina, e pure alle 12, alle 13, ed infine alle 16 e 30 ( o alle 17) di ogni giorno, fra lo stupore dei forestieri che all’improvviso, in qualsiasi parte si trovassero, venivano attirati dal suono della sirena quasi simile a quelle anti aeree durante la guerra. “Ormai – dice il presidente dell’associazione, Salvatore Licari – sono parecchi mesi che la sirena ha smesso di suonare a causa di un guasto al motore. Per noi questa, oltre a segnalare l’ora, ha un valore storico che si tramanda da generazioni. Ecco perché in collaborazione con il gruppo facebook “Randazzo tutti in un gruppo”, Don Enzo Calà e altri amici abbiamo deciso di organizzare una raccolta fondi”. Salvatore non sa quanto possa costare aggiustarla, sa però che padre Enzo chiederà un preventivo. “E noi abbiamo deciso di contribuire – ribadisce Salvatore – consegnando a padre Enzo il ricavato delle vendite dei calendari che abbiamo realizzato in collaborazione con le scuole dell’Infanzia Don Lorenzo Milani e Edmondo De Amicis”. L’associazione ha realizzato calendari con i fantasiosi disegni degli scolari e li ha messi in vendita a 5 euro. “Fino a oggi non è che ne abbiamo venduti tanti – conclude Salvatore – Ma il futuro è davanti e siamo convinti che la cittadina risponderà alla nostra iniziativa. Basta collegarsi al sito www.associazioneris.com ed ottenere tutte le indicazioni necessarie per comprare il calendario e contemporaneamente contribuire a rimettere in funzione la nostra vecchia sirena”.

LA SICILIA – 07.03.2012

Pubblicità