Ad Adrano il terzo punto territoriale d’assistenza della Provincia


 

Sirna: “Avviate le procedure per attivare, entro 5 mesi, il Pta nei locali del Distretto”

«Abbiamo già avviato le procedure per l’apertura del Pta, il Punto territoriale di assistenza – introdotto dalla legge regionale 5 del 2009 – che entro i prossimi quattro/cinque mesi verrà ospitato nei locali del Distretto di Adrano con l’obiettivo di potenziare, ampliare e ottimizzare i servizi offerti alla popolazione». Parola del Commissario Straordinario Asp Catania Gaetano Sirna, che spiega così quali saranno i vantaggi del nuovo modello organizzativo, già evidenziati nelle “Linee Guida sulla Riorganizzazione dell’Attività Territoriale: «Grazie alla cosiddetta “porta unica d’ingresso” del cittadino ai servizi territoriali – spiega Sirna – semplificheremo l’iter assistenziale complessivo del paziente: il Pta, infatti, rappresenta un’importante e moderna risposta di salute del nuovo sistema sanitario». Gli obiettivi primari del Pta, già attivo presso l’ospedale di Giarre e nei locali del poliambulatorio di Librino, riguardano l’organizzazione in modo appropriato, efficace ed efficiente dei percorsi degli utenti in relazione ai loro bisogni di salute, con particolare attenzione alle persone con patologie a lungo termine, i cosiddetti pazienti cronici affetti da diabete e da scompenso cardio-circolatorio – spesso costretti a lunghe e numerose file per prenotare visite e esami non sempre appropriati e spesso obbligati a lunghe liste di attesa.

 «Ad Adrano – continua Sirna – promuoveremo percorsi assistenziali, integrati tra loro, che saranno responsabilmente seguiti da un insieme di professionisti (medici e infermieri) impegnati nella filiera di cura e assistenza. Garantiremo, inoltre, l’assistenza sanitaria di base, specialistica e diagnostica, che nel Pta viene riqualificata attraverso l’istituzione di ambulatori infermieristici, ambulatori integrati con i medici di medicina generale e gli specialisti per i pazienti cronici». Verranno inoltre potenziate altre forme di assistenza territoriale come l’ambito della prevenzione, l’area consultoriale, la salute mentale e tutti gli altri servizi del distretto.

Assia La Rosa – UFFICIO STAMPA ASP 3 CATANIA

Pubblicità