Capodanno: a CATANIA un uomo originario di Bronte rischia di perdere una mano


 

É di nove feriti il bilancio della notte di Capodanno a Catania. Il piú grave rischia di perdere la mano sinistra.

Si tratta di B.M.G., 52 anni, di Bronte, che é ricoverato all’ospedale Cannizzaro. L’uomo, alle prime ore di questa mattina, ha esploso un petardo a Mascalucia. I medici si sono riservati la prognosi per la funzionalitá dell’arto. Nello stesso ospedale é stata medicata una bimba di 9 anni di Canicattini Bagni, che é rimasta ustionata alla mano destra maneggiando una fiaccola. Per lei la prognosi é di 10 giorni. Due diciottenni sono stati raggiunti, invece, da due pallottole vaganti: uno al ginocchio destro ed uno alla gamba sinistra. Sono entrambi ricoverati all’ospedale Vittorio Emanuele, con una prognosi di 15 giorni. Per tutti gli altri, ferite alle mani ed al volto: tra questi un uomo di 46 anni, di Santa Venerina, soccorso al Cannizzaro e giudicato guaribile in 30 giorni.

ITALPRESS

Pubblicità