Una parte del Quartiere San Martino di Randazzo verrà messa in sicurezza


 

La parte nord ovest del quartiere di San Martino di Randazzo, per intenderci la più antica, quella che si affaccia da un imponente costone lavico, sovrastato dal Castello che ospita il museo archeologico, entro giugno sarà totalmente consolidata. Il sindaco Ernesto Del Campo ha consegnato alla ditta di Parma che si è aggiudicata l’appalto, i lavori di consolidamento di un lungo tratto di perimetro urbano, dal Castello fino alla zona del poliambulatorio, che segnato dall’antico passaggio del torrente Annunziata, aveva mostrato segni di frane e cedimento. I lavori, per un ammontare di 960 mila euro, dovranno essere completati entro 5 mesi.

“Per noi si tratta di un lavoro importante – ha affermato il sindaco Ernesto Del Campo – che mette in sicurezza una parte di un quartiere antico dove le case sono state realizzate centinaia di anni fa e quindi non certo con criteri moderni”. Dal dirigente dell’Ufficio tecnico, architetto Aldo Meli, apprendiamo il tipo di lavoro che la ditta parmense dovrà realizzare. Da contratto bisognerà eliminare tutti gli arbusti ed i corpi estranei sia alla base del costone e lungo le scarpate, bloccare (con una particolare “chiodatura”) i pezzi di roccia del costone parzialmente staccate e pulire l’ex letto del torrente Annunziata che costeggia il costone roccioso, in modo tale da ripristinare lo scorrimento superficiale. Oltre a ciò, la parete rocciosa sarà rivestita con una rete metallica e la terra sotto il costone lavico sarà protetta dal fenomeno dell’erosione.

LA SICILIA – 28.12.2011

Pubblicità